Italia a confronto con gli altri paesi e l’Autority per le Garanzie nelle Comunicazioni

Come Telecom ci elude in qualità, tentando di rispettare le regole imposte dall’AGCom.

Con la delibera 244/08/CSP e successive modificazioni, e le misure certificate effettuate nell’ambito del Progetto “Misura Internet” avviato dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. Nella sezione “Info per i Consumatori” del sito telecomitalia.it è possibile consultare la Relazione a riferimento dell’anno 2011 che contiene i dettagli dei valori misurati a livello regionale di banda minima, banda massima e di altri indicatori quali Ritardo di trasmissione dati, tasso di perdita dei pacchetti, ecc.

Con questa nuova misura di certificazione, puramente istituzionale, Telecom è costretta a inviare tali comunicazione di servizi disposti, in qualità della fornitura di accessi a internet da postazione fissa. Non a caso per i residenziali, ma anche le utenze Business iscritte, possono trovare nella propria casella email, una comunicazione d’ufficio da parte di Telecom, che ne allega un link ad un file PDF con i valori ed i suoi servizi di qualità.

Purtroppo, le cose non stanno realmente così, almeno non con i dati che vengono effettivamente comunicati. Come spiegavo in altri miei seminati e Workshop, effettivamente la situazione delle connessioni ed i relativi servizi, che rientrano attualmente in un monopolio Telecom, sono da paragonarsi ad un Medioevo Digitale.

Ma esaminiamo meglio la parte finale del file di comunicazione, messo a disposizione di noi utenti: http://www.telecomitalia.it/sites/default/files/files/documentation/Qualita_2011_servizi_accesso_internet.pdf

Estratto del file sulla qualità dei servizi Telecom

Estratto del file sulla qualità dei servizi Telecom

Ci renderemo conto che di qualità a confronto con altri paesi europei, i valori contrassegnati e comunicati non rispecchiano la reale situazione.

Sulla sezione “Velocità sulla Trasmissione dei Dati”, vediamo che danno come Download su 7 Mbps una banda garantita 6435 Kbps. Fisicamente impossibile, poiché su un doppino di rame telefonico standard, sarebbe impossibile trasmettere se non senza grossi disturbi e sbalzi di irregolari, a meno che, i dati non siano compressi.

Ma andiamo avanti. Possiamo smascherare la reale velocità di connessione Download e Upload, semplicemente eseguendo un test online, da questo Link: http://www.speedtest.net

Risultati Test su connessione ADSL Telecom

Risultati Test su connessione ADSL Telecom di 7Mbps. Eseguito da struttura Residenzaiale.

Test su connessione Cable Internet in Serbia

Risultati Test su connessione Cable Internet di ISP in Serbia di 7Mbps. Eseguito da struttura Residenzaiale.

Ora mettendo a confronto un collegamento di tecnologia ADSL in Italia con un collegamento Cable Internet in Serbia, sempre su strutture a livello residenziale, in una fascia giornaliera ad altro traffico di segnale e di banda, con le medesime erogazioni di servizio, 7 Mbps in Download, ci renderemo conto prima di tutto della scarsità di erogazione di servizio che Telecom mette a disposizione, inoltre con la beffa di diffondere dati e valori che non sono reali, eludendo le richieste di AGCom.

Voglio aggiungere che con le connessioni Cable Internet (Cavi Coassiali naturali) in Serbia, non ci si limita solo ai servizi di Accesso a Internet e Telefonia, ma s’aggiungono anche altri servizi di TV e Pacchetti Multi Media, quindi largamente conveniente rispetto la nostra misera ADSL, a confronto su una quota di prezzo pressoché identica:

  • ADSL 7Mbps = 20,12 Euro
  • Cable Internet 7Mbps = 17,00 Euro (circa)

Prezzi su abbonamento mensile.

Se notate bene i risultati dei test di connessione, i valori di Ping, se messi a confronto vedremo una capacità maggiore da parte di quella Serba, che impiega solo 5ms per dare i risultati, quasi 25 volte inferiore al nostro in Italia contato sui 47ms.

Quindi ci fa capire essenzialmente, la scarsità di tecnologia adottata a livello Consumer Residenziale, che il monopolio Telecom propone nel nostro paese, oltretutto inadempiendo alle regole imposte dalla stessa Authorìty per la Garanzia sulle Telecomunicazioni, con la presunzione di emanare certificazioni e dati inesistenti.

Voglio sottolineare che i test sono stati svolti su connessioni residenziali, ma il problema coinvolge allo stesso modo anche il settore Business. Credo che Telecom debba prendere atto di tali inadempienze, ma soprattutto di aggiornarsi nelle tecnologie ormai coi tempi ritenuti obsoleti, evitando di spadroneggiare nel campo delle comunicazioni e dell’ICT.

Links correlati

Sito Ufficiale dell’AGCom:
http://www.agcom.it/

Strumento di Testing per l’effettiva capacità di connessione:
http://www.speedtest.net

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA Image[ Immagine differente ]

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.